MODELLO REDDITI (ex UNICO)

Ultime informazioni

30/07/2020 Superbonus: si allarga la possibilità di utilizzo

 

E’ il modello utilizzabile obbligatoriamente dai titolari di partita IVA, per i defunti (presentato da un erede) e da chi ha solo redditi di natura diversa dal lavoro dipendente e assimilati e da pensione come ad esempio redditi derivanti da locazione o assegno di mantenimento dell’ex coniuge. Facoltativamente, in sostituzione del modello 730, lo possono utilizzare anche lavoratori dipendenti e pensionati.

Il modello Redditi (ex Modello Unico) è il modello ordinario di dichiarazione dei redditi; si tratta di un modello unificato tramite il quale è possibile effettuare più dichiarazioni fiscali.
Nel modello Redditi  i versamenti delle imposte sono effettuati direttamente dal contribuente attraverso il modello F24, che deve essere presentato in banca o in posta. L’eventuale credito risultante dalla dichiarazione può essere utilizzato per compensare le imposte da versare o può essere richiesto a rimborso dall’ Agenzia delle Entrate.

Devono presentare il Modello Redditi (non potendo presentare il modello 730), i contribuenti che si trovano in una delle seguenti situazioni:

  • nell’anno precedente la dichiarazione hanno percepito:
    • redditi d'impresa, anche in forma di partecipazione;
    • esclusivamente redditi derivanti da assegno di mantenimento dell’ex coniuge
    • esclusivamente redditi derivanti  da locazione di immobili;
    • redditi di lavoro autonomo per i quali è richiesta la partita IVA;
    • redditi "diversi" non compresi tra quelli indicati nel quadro D,righi D4 e D5 del modello 730;
  • nell’anno precedente la dichiarazione non erano residenti in Italia;
  • devono presentare anche una delle seguenti dichiarazioni: IVA, IRAP, Mod. 770 ordinario e semplificato (sostituti d'imposta);
  • devono presentare la dichiarazione per conto di contribuenti deceduti che non avrebbero potuto presentare autonomamente il 730 (v. https://www.cafaclimilano.it/news/modello-730-possibile-anche-gli-eredi)

Il periodo di riferimento per la presentazione è quello che va da giugno a settembre di ogni anno.